Green Supply chain

Green Supply chain, tracciamento della spedizione: cos’è come funziona e quali sono i vantaggi

La sostenibilità della supply chain sta diventando, e ormai è, forse, già diventata da tempo, una delle priorità delle aziende, poiché la globalizzazione dei mercati, la creazione di reti d’impresa, l’outsourcing dei progetti di business e della produzione e l’avvento della tecnologia hanno trasformato gli scenari e spingono ogni giorno le aziende a rinnovarsi per poter competere in modo efficace a livello sia nazionale che internazionale.

In quest’ottica il miglioramento della sostenibilità sia ambientale, sia economica, sia sociale/culturale, dei processi produttivi e distributivi è da considerarsi indispensabile per poter essere dei players incisivi nel proprio mercato di riferimento.

Con questo articolo vogliamo illustrarvi più nel dettaglio la nostra premessa, con l’obiettivo, come sempre, di poter contribuire in qualche modo all’incremento del vostro business, qualsiasi esso sia.

Cos’è la Supply Chain

Si chiama Supply Chain Management, universalmente conosciuta con l’acronimo SCM, ed è una definizione che individua una delle fasi principali della catena produttiva di un qualsiasi prodotto, ovvero quella relativa alla logistica di approvvigionamento.

Capiamo meglio.

Un prodotto per essere realizzato deve essere assemblato in tutte le sue componenti e, quindi, l’azienda deve poter disporre in continuazione del materiale necessario per poterlo fare. Questa è la prima fase.

Una volta realizzato, però, il prodotto deve essere consegnato ai clienti in tempi celeri, per poterlo distribuire in modo capillare ai clienti finali. Questa è la seconda fase.

In pratica la supply chain è tutto ciò che ruota intorno alla movimentazione di merci e prodotti.

Perché è importante una supply chain sia sostenibile?

Una gestione sostenibile di tutte le fasi della supply chain porta una serie di innegabili vantaggi che non sono solo di natura sociale, come la salvaguardia dell’ambiente in cui viviamo, ma sono anche di natura economica, un minor consumo di carburante, ad esempio, porta a un significativo abbattimento dei costi, e di natura etica, in quanto è possibile costruire un’economia aziendale sana e responsabile per un ritorno di immagine che procura ripercussioni positive anche sulle vendite.

Cos’è una supply chain sostenibile

Come si può, allora, rendere sostenibile una supply chain?

Provate a pensare al viaggio, anzi ai numerosi viaggi, che fanno le spighe di grano per diventare le fette di pane che trovate sulla vostra tavola e provate a immaginarvi di poter seguire tutto il percorso di quei chicchi di grano destinati alla panificazione in tempo reale, in modo da poter intervenire velocemente nel caso di imprevisti o errori umani. Appare chiaro come l’efficienza produttiva diventi decisamente più performante, con le piacevoli conseguenze che i costi si abbattono e i ricavi si impennano. Il sogno di una qualsiasi azienda che si rispetti.

Ecco che la tecnologia ci viene in aiuto con sistemi informatici che permettono di collegare in una rete i mezzi di trasporto delle flotte aziendali, in modo da sapere sempre dove si trovano, e di monitorare lo stato della merce in viaggio, tramite l’utilizzo di specifici sensori che permettono, ad esempio, di controllare la temperatura del vano di carico o di scaricare i dati tachigrafici in remoto, al fine di tracciare ogni evento procedurale e azzerare gli sprechi e le perdite dovute ad errore umano.

Il ruolo del trasporto nella supply chain

In questo contesto assume un significato particolare dare spazio a una logistica sostenibile, in quanto tutti gli anelli dell’intero processo sono collegati fra di loro proprio grazie ai viaggi che ogni giorno i furgoni e i mezzi commerciali effettuano per consegnare materiali, merce e prodotti. È, quindi, fondamentale avere nella propria flotta mezzi di trasporto con motori efficienti e possibilmente alimentati da fonti energetiche pulite, nonché dotarsi di sistemi di controllo che permettano di ottimizzare i consumi.

Avere una flotta all’avanguardia è di importanza primaria, basti pensare che mezzi di trasporto Euro 5 o Euro 6 permettono di abbattere le emissioni nocive di circa il 50% rispetto a mezzi Euro 4 o inferiori, e i costi da affrontare per poter, se necessario, ringiovanire la propria flotta aziendale vengono ammortizzati dai maggiori ricavi a cui si va incontro. Da aggiungere, infine, che oggi il noleggio a lungo termine rappresenta una valida alternativa per quelle aziende che non sono in grado, o non vogliono, affrontare i costi di acquisto e svecchiamento, perché a fronte di una rata mensile si ha la possibilità di avere mezzi sempre efficienti sotto il profilo energetico.

Green Supply Chain: svantaggi e costi

Non esistono veri e propri svantaggi se si decide di rendere la propria supply chain sostenibile e al passo con i tempi, se non quelli relativi alle spese, anche ingenti, che bisogna sostenere per dotarsi di mezzi e strumenti ad hoc, spese che vengono comunque ripagate nel breve-medio periodo, per poi trasformarsi in risparmio.

Altro tema caldo è quello relativo alla reazione sul tema dei trasportatori, ai quali, l’idea di essere sempre sotto controllo non sempre piace, soprattutto se il monitoraggio costante diventa lo strumento attraverso il quale l’azienda “sfrutta” il lavoro dell’autista, pretendendo risultati e tempistiche che appartengono più a una macchina che ad un essere umano.

Il futuro della Green Supply Chain

Nonostante gli ostacoli presenti per permettere una veloce efficientazione delle PMI italiane, però, in futuro le aziende continueranno sicuramente a investire nella sostenibilità della supply chain, quantomeno quelle più grandi e lungimiranti, in grado di comprendere che ciò permetterà loro di avere un maggiore successo, una penetrazione del mercato più incisiva e un deciso aumento dei guadagni. Ne sono un esempio giganti dell’economia mondiale come Amazon o UPS che già da un po’ stanno sperimentando le consegne con drone, o JD, il mastodontico e-commerce cinese, che le consegne con drone già le fa con un ritmo più che sostenuto.

(Visited 92 times, 1 visits today)

Category: Senza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *